transizione ecologica Archivi - Coesio & Partners

Nuovi contributi a fondo perduto per le PMI: ecco come funziona e come aderire al Bando Invitalia dal 18 maggio Oltre 677 milioni di euro alle piccole e medie imprese italiane che faranno domanda per supportare investimenti sostenibili come la transizione energetica e l’innovazione 4.0

Nuovi contributi a fondo perduto per le PMI: ecco come funziona e come aderire al Bando Invitalia dal 18 maggio. La misura, istituita con il decreto ministeriale 10 febbraio 2022, è definita nell’ambito della comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 relativa al “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19” e successive modificazioni e integrazioni, e, in particolare, alla sezione dedicata al sostegno degli investimenti a favore di una ripresa sostenibile. Per la gestione degli interventi previsti dal decreto, il Ministero si avvarrà dell’Agenzia per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia – alla quale sono affidati gli adempimenti tecnici e amministrativi riguardanti l’istruttoria delle domande, la concessione, l’erogazione delle agevolazioni, l’esecuzione dei controlli e delle ispezioni, nell’apposita sezione “Investimenti sostenibili 4.0” del sito web di Invitalia, dalle ore 10.00 alle ore 17.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dal giorno 18 maggio 2022, secondo un particolare iter che consente di attivare il primo step redazionale già dal 4 maggio 2022.

Insieme verso la transizione ecologica: ecco le nuove agevolazioni per le PMI disposte dal Mise Destinati 678 milioni di euro alle piccole e medie imprese italiane per finanziare progetti innovativi come tecnologie 4.0, economia circolare e risparmio energetico

Destinati 678 milioni di euro alle piccole e medie imprese italiane per finanziare progetti innovativi come tecnologie 4.0, economia circolare e risparmio energetico. Le fonti provengono dal programma d’investimento europeo React-Eu e dai fondi di coesione, in particolare, i finanziamenti previsti dal nuovo regime di aiuti sono destinati per circa 250 milioni agli investimenti da realizzare nelle regioni del Centro – Nord (Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Umbria e Province Autonome di Bolzano e di Trento), mentre circa 428 milioni sono previsti per quelli nelle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna). Di queste risorse, una quota pari al 25% è destinata ai progetti proposti dalle micro e piccole imprese.